zzzzzzzzzzzz…..

zzzzzzzzzzzz…..

zzzzzzzzzzzz….

…si lo so lo so…stai usando Pinpoint di MaximDL e stai aspettando che venga risolta la prima lastra di allineamento. Dopo aver fatto “millemila” regolazioni sulla Home della tua Eq6, ancora non ci siamo…vedi quella barra blu che va avanti da dieci minuti, ma ancora il software non ha capito dove stai puntando…..

Ne avevamo già parlato su questo blog (LINK) in effetti: Pinpoint di MaximDL è un programma che funziona molto bene a patto però di aver rispettato a puntino tutte le azioni preliminari. Il che si traduce appunto in una utilità marginale per l’astrofilo itinerante, sempre alle prese con ben altri problemi.

Tante volte mi sono trovato a dover perdere ore per cercare di risolvere una immagine, mi ricordo questa primavera una sessione parzialmente naufragata a causa di una errata Home Position che non permetteva a Pinpoint di risolvere la zona di cielo puntata. Considerando le imperfezioni di Goto tipiche della montatura (di cui la Eq6 ne è un pò l’emblema a volte) posso dire che questa situazione spesso fa arrabbiare, soprattutto se si lavora con focali spinte su montature non precisissime.

Ma da Ottobre di questo anno (quindi recentemente) esiste una utility molto interessante ed in continuo sviluppo creata da un noto astrofilo italiano, Giovanni Benintende,  che sfruttando il “motore” di Astrometry.net permette di risolvere qualsiasi zona di cielo a prescindere dalle coordinate a cui sta puntando la montatura. Detto in parole povere, abbiamo a disposizione GRATUITAMENTE una applicazione che riesce a riconoscere una zona di cielo qualsiasi essa sia, con risultati eccezzionali; il che si traduce non solo in una minor richiesta di precisione da parte dell’astrofilo nel posizionamento del setup, ma anche in un risparmio di tempo assolutamente notevole. Vediamola un pò nel dettaglio

ALL SKY PLATE SOLVER

by Giovanni Benintende

link per download

PlateSolver1

All Sky Plate Solver è un’applicazione molto semplice da utilizzare (ma non da creare, suppongo) che permette di risolvere qualsiasi zona del cielo in pochi secondi, a prescindere da dove si stia realmente puntando con la montatura. In aggiunta, è possibile chiedere al software di risolvere immagini già scattate per conoscerne le coordinate (in questo caso non necessita infatti la connessione ad una montaura Ascom);  digerisce gran parte dei formati di astro-immagine che gli si può dare in pasto ed il motore è un “indovino” assolutamente perfetto. Il segreto alla base sta nello sviluppo di un’applicazione che fonda le sue risorse sul noto kit di sviluppo creato da Astrometry.net e di cui avevamo parlato già a questo LINK.  La domanda che potrebbe sorgere spontanea (o il dubbio che potrebbe derivarne) è: serve un’applicazione che “ripete” ciò che già c’è online? Risposta: ASSOLUTAMENTE SI. Per due motivi essenziali:

  1.  L’applicazione non necessita di connessione online per essere utilizzata (e via uno!)
  2.  L’applicazione rende FRUIBILE il kit di Astrometry.net in qualsiasi occasione, con pochi click e senza navigare in pagine o uploadare immagini.
  3. L’applicazione comunica direttamente con Ascom o MaximDL, e quindi permette di SINCRONIZZARE AUTOMATICAMENTE la montatura con le coordinate realmente puntate
  4. Gestisce anche la camera di ripresa, in modo che con un solo pulsante – chiamato CLICK, SOLVE & SYNC  verrà tutto gestito in automatico: in buona sostanza, verrà avviato il software di acquisizione, verrà scattata una immagine del cielo, verrà risolta e infine sincronizzata la montatura. In un tempo di…ehm…qualche decina di secondo? Buttate via il cercatore….

Quindi, mi sento di poter assolutamente dire che una volta provata questa applicazione, questa vada inserirla direttamente nel nostro “Must Have”. Vediamola un pò piu approfonditamente perchè il programmatore ci ha messo a disposizione un’intuizione meravigliosa:

INSTALLAZIONE

donwload astrometry

L’installazione è molto semplice, ma consiglio di eseguirla di notte. Il perchè è presto detto…per avere gli archivi di Astrometry.net in locale è necessario scaricarli per cui dopo le operazioni preliminari di installazione il software dovrà scaricarsi una parte dei predetti archivi e questo ovviamente richiede tempo. L’aspetto interessante è che il programmatore ha risolto una bella parte di lavoro, integrando all’interno del programma un’interfaccia di scaricamento praticamente automatica e quindi in realta dovremo fare ben poco…Inoltre è un’operazione che si farà una volta sola ed eventualmente integrata nel tempo con l’utilizzo di diversi FOV,  ma fatto questo tutto è utilizzabile in locale.

Installare l’applicazione è semplicissimo ovviamente, tralasciando il doppio click sul file “install.exe” (fin qua ci siamo vero?) l’applicazione si installa e la prima azione che fa una volta avviato è recuperare online il software kit di Astrometry.net, operazione che richiede pochi minuti, come si vede nell’immagine sopra.

INDICI

index

Una volta installata l’applicazione, viene richiesto l’indice dei file che si ottiene appunto tramite download della sezione di archivi di cui ho parlato poco fa. Bene, è semplicissimo. Basta inserire la lunghezza focale dei propri setup (una alla volta) le dimensioni dei pixel in micron e la dimensione del sensore, espressa in numero di pixel oppure in larghezza * altezza in mm. Il sistema individuerà automaticamente i file da scaricare in base al campo inquadrato. A quel punto basterà cliccare su “install selected indexes” e inizierà il download. Possono volerci alcuni minuti o alcune ore, dipende dal nostro campo inquadrato.

CONFIGURAZIONE DEL SOFTWARE

general settings

Come anticipato, il software si sincronizza con montature Ascom e con camere di ripresa che funzionino o tramite Ascom o tramite MAximDL. In questa pagina si devono inserire la lunghezza focale e la grandezza dei pixel in micron. Inoltre ci sono alcune opzioni interessanti come “on successfull click & plate solve, execute sync mount” che letteralmente significa: “quando viene risolta la lastra con successo, allora sincronizza la montatura.”

Nota: per quanto riguarda la focale, se utilizziamo MaximDL per riprendere l’immagine da risolvere, il sistema chiederà se si vuole utilizzare quella inserita nel file fit al momento della risoluzione della lastra. E’ una particolarità interessante perchè in questo caso la “focal length” impostata nella schermata di cui sopra non viene tenuta in considerazione. Se teniamo presente che spesso guidiamo e acquisizamo tramite Maxim che comunque necessita delle lunghezze focali delle ottiche, ecco che questa schermata una volta impostata potrebbe non esserci piu necessaria

RISOLUZIONE & SYNC

solved

Una volta fatto un Goto su un oggetto (non centrandolo as usual 😀 ) basterà cliccare su  click plate & solve per far partire la routine di risoluzione. Il sistema è particolarmente veloce, nell’esempio di cui sopra in 33 secondi il software è riuscito a risolvere la lastra, senza sapere in principio “dove stavamo puntando”. Questo è meraviglioso!

Nota: vengono proposti due tipi di allineamento: Blind & Near. Blind viene utilizzato senza avere a disposizione le coordinate puntate. Near invece funziona tramite la connessione ascom alla montatura e quindi partendo da una zona di cielo prossima a quella realmente puntata.

CONCLUSIONI

Le conclusioni penso siano molto intuibili.  Il programma gira benissimo e non sbaglia un colpo.  Per quel che mi riguarda è diventato uno dei software chiave delle mie sessioni, dal momento per tanto tempo ho utilizzato Pinpoint e che essendo un astrofilo itinerante non sempre riesco ad ottenere la massima precisione negli allineamenti di Home. Questo mi ha causato ben piu di un problema, con innumerevoli casi di riposizionamento ad Home e diversi goto prima di trovare la giusta posizione. Se poi considero le volte in cui ho utilizzato focali piu spinte sempre tramite Pinpoint diventando letteralmente matto prima di scattare la prima immagine, ecco che viene fuori l’incredibile utilità di questa applicazione che risolve in breve tempo il problema.

Una nota di merito va poi a Giovanni Benintende. Perchè io penso che mettere a disposizione gratuitamente una applicazione del genere sia un gesto enorme.

Ho notato che nel sito non c’è nemmeno un pulsante “Donate” (ebbene si…ci avevo pensato, perchè l’applicazione mi ha davvero aiutato!), cosa che mi ha sorpreso e non poco. Certo, si potrebbe obbiettare dicendo che questa è un’interfaccia e non un motore, in quanto il motore di risoluzione realmente è creato da Astrometry.net…vero…ma questa applicazione ha un merito enorme: rende FRUIBILE il motore. E questa è la vera “base” perchè è inutile avere a disposizione grandi motori se poi non abbiamo gli strumenti per accenderli.

Per cui mi rivolgo a lui ed anche a tutto l’humus di astrofili italiani che creano utility e che dedicano molto tempo alla programmazione di accessori che ci risolvono problemi ringraziandoli tutti.


La qualità e la riuscita delle nostre astrofotografie passano anche attraverso il vostro impegno, e questa considerazione non deve mai mancare in nessun astrofotografo onesto.

NOTA: PER SCARICARE IL SOFTWARE – LINK