Articoli

Bene, abbiamo visto nei precedenti articoli, di cui riporto LINK e LINK , quanto il sistema di autoguida e ripresa siano legati tra loro da valori numerici relativi al campionamento corretto tra i due telescopi, ripresa e autoguida.

Ovviamente, come ben sappiamo, tutto non si può ricondurre ad una manciata di numeri per “dormire” sonni tranquilli, perchè altrimenti la questione sarebbe sempre semplice e facilmente intuibile. Di sicuro quanto specificato in precedenza rappresenta IL PRIMO ASPETTO di cui tenere conto quando si approda al mondo dell’astrofotografia a lunga posa, ma non racchiude ovviamente tutto il panorama di casistiche che possono sporcare la regolarità necessaria ad una autoguida perfetta.

Cerchiamo un attimo di contestualizzare un concetto basilare, che spesso rimane piuttosto nascosto nelle impressioni e nelle valutazioni. Torniamo al solito esempio di un pixel da 3,75 micron messo su un qualsiasi telescopio di guida e mettiamo in guida il nostro sistema.. Parliamo di meccanica di precisione er inciso….

Infatti, supponiamo ad esempio che siamo in un campionamento 1 a 1, cioè un arcosecondo per pixel (che aiuta a capire) e che la nostra guida stia procedendo con un errore medio in pixel pari a 0,50. Un pixel è 3,75 micron…cioè 3,75 millesimi di millimetro…lo scostamento è pari a 0,5 quindi praticamente tutta la strutturasi sta muovendo per mantenere il centroide di una stella minuscola entro mezzo pixel, e quindi facendo un pò i conti della serva, tutto il sistema ci sta fornendo una affidabilità tale da contenere l’errore medio in circa 1,8 micron!!! cioè 0,0018 millimetri!

Per i piu precisi: una corona di una Azeq6 ha un diametro di 92,5 mm, la cui circonferenza si sviluppa in 290,4 mm circa. La montatura fa una rotazione completa in 24 ore, quindi (290,4 : 24 = 12,1 mm/h, –> 12,1 mm/h : 60 = 0,201 mm/min. 0,201 / 60 = 0,0033 mm/secondo ergo 3 Micron al secondo. In un rapporto di campionamento ideale 1 arcsec/px considerando il mio pixel pari a 3,75 micron se la guida in AR ha un rms in arcsec/px di 0.5, la meccanica “muove” di 0,00187 pari a 1,87 micron.)

Per intenderci in scale di dimensioni fisiche, citando wikipedia….ecco alcune misure in micron:

1-10 µmicrondiametro tipico di un batterio
1,55 µmicronlunghezza d’onda della luce usata nelle fibre ottiche
6-8 µmicrondiametro di un globulo rosso umano
6 µmicronspora dell’antrace
7 µmicronspessore di un filo di ragnatela
7 µmicrondiametro del nucleo di una tipica cellula eucariota

Bene, possiamo quindi dire che in un mondo ideale, un sistema di guida ben calibrato e gestito arriva a misure anche INFERIOR. A volte si raggiunge tranquillamente uno 0,3 px o ancora meno, per i piu fortunati e soprattutto PRECISI.

Ora se vi concentrate un attimo capite subito con che razza di precisione dobbiamo avere a che fare. Cioè, stiamo parlando di scostamenti teorici che stanno SOTTO di 4/5 volte uno qualsiasi dei globuli rossi presenti nel vostro sangue.

Un minuto di silenzio per farvi toccare con mano cosa avete di fronte.

Prendete il batterio del vostro raffreddore invernale..bene, quello è piu grande dello scostamento dell’esempio citato. Ora, sappiamo che per espellere e mettere in circolo un batterio basta uno starnuto no? E lui svolazzerà allegro di starnuto in starnuto per chilometri e chilometri. Ecco, la vostra autoguida può arrivare ad avere una precisione meccanica inferiore alle dimensioni di quel batterio, col risultato che basta uno starnuto a mandare tutto a put…a fan….alla malora.

Anticipato questo BELLISSIMO contesto che è causa del nostro esaurimento nervoso, osservate la vostra montatura. Ecco, quello che avete davanti è un piccolo miracolo della meccanica sotto un certo punto di vista perchè poste le condizioni base, se ben gestita (e se non ci sono problemi nativi di costruzione), se lavorate bene sul setup tenendo presente questo banalissimo ragionamento, il risultato in termini di precisione raggiunta è microscopico. Ma attenzione…..perchè date appunto queste tolleranze cosi “risicate” non è sempre Natale. PER NESSUNO.

iNFATTI, questo ci pone di fronte ad una serie di considerazioni di circostanza che è bene tenere presente e cioè che se è VERO che i numeri sono piu o meno questi, ci troviamo di fronte a qualcosa che va considerato molto bene, che va TRATTATO molto bene.

Tenete in mente quella scala che vi ho citato poco fa..bene, mettete ora un leggero vento al traverso. Che accade? Nemmeno a dire…ora, immaginate la stessa situazione, ma in una montatura non ben bilanciata. che accade? Bene, altro caso…prendiamo ad esempio un cavo che si sposta…ebbene si, l’autoguida ne risente. E tanto. Tantissimo! Vediamo alcun punti focali meccanici del contesto…

LA GUIDA PERFETTA E’ TEMPORANEA

Eccola là..ta dan! E’ vero, considerando la precisione in gioco, la guida perfetta è SOLO ed ESLCUSIVAMENTE una condzione temporanea. E non può essere altrimenti!! Questo non significa certo che non si possa riprendere per piu notti con una guida eccellente,anzi…ma è bene sapere che la temporaneità si esprime nella sequenzalità degli interventi che si susseguono di secondo in secondo e che cambiano rapidamente da un momento all’altro. Questo implica ad esempio, che un secondo fa tutto andava bene ma all’improviso..sbang. Oppure, può capitare che per lo stesso oggetto ripreso la sera prima, quindi stessa zona di cielo, tutto filasse liscio mentre stasera…non ne vuol sapere di andare.

Questo apre ad una serie di problematiche molto discusse in ambito astrofotografico, in quanto la soluzione di ogni problema legato alla guida è spesso riconducibile ad una casualità di situazioni talmente personali e insite nel “momento preciso in cui ” da rendere particolarmente difficile un reale problem solving che non si basi in realtà su una MEDIA di utilizzo. Detto in parole povere, se si guarda alla serata singola in cui ha guidato male, raramente si ottiene una reale idea dei problemi (a meno che non siano MACROSCOPICI) e per valutare la qualità del proprio sistema è bene riferirsi ad una media di utilizzo. Quindi, non strapparsi i capelli se fino a ieri ha guidato bene e oggi no…piuttosto, viverla anche serenamente e valutare se è un problema che si presenta spesso o meno aiuta di sicuro ad avere le idee molto piu chiare. Saltelli, derive, momenti di incertezza etc, sono per lo piu dovuti al caso e alle condizioni temporanee se riguardano una serata….se invece è un problema continuo allora bisogna ricorrere a un problem solving piu consistente e cercare di analizzare tutto, partendo da sè stessi.

PROBLEMATICA STATICA O DINAMICA?

Considerando che una montatura a questo punto dovrà andare “mediamente “bene, otterremo questo risultato solo se siamo davvero precisi. Precisi in tutto e non è una banalità. Ripensiamo un attimo ai micron con cui abbiamo a che fare, e analizziando un pò la serie di problematiche comuni, potremmo dividere le problematiche legate all’autoguida in due macro-casistiche, statiche e dinamiche. Quelle “statiche” sono le casisitche che portano erorri dovuti ad esempio a una condizione di errato montaggio, o di errato allineamento polare ipotesi, mentre quelle dinamiche sono quelle che incorrono durante la serata (ad esempio si alza il vento, peggiora il seeing etc).

Divido i due contesti perchè sull’errore introdotto da una condizione statica possiamo SEMPRE intervenire fisicamente (non via software!) e il piu delle volte vedremo che sono causati da noi ed è l’errore introdotto da una condizione statica che introduce l’errore.

Diversamente, come possiamo intuire benissimo, sussiste un errore introdotto da una condizione dinamica che non è sempre prevedibile e spesso è questa tipologia di errore su cui può intervenire un software come PHD o altri software di guida.

Interpretandola in questo modo, dovrebbe essere facile arrivare a pensare che ci sono correzioni che un software di guida può apportare e condizioni invece dove il programma di guida peggiora solo la situazione. Facciamo un pò di esempi

ERRORI DOVUTI A CONDIZIONI STATICHE

Una serie di errori dovuti a condizioni statiche sono TUTTI quelli legati ad un errato montaggio o a un problema meccanico e hanno la benedetta (si..benedetta!!) caratteristica di presentarsi quasi sempre se non abbiamo schematizato a dovere come preparare un setup alla ripresa….e in questo caso avremo problemi in tutte le sessioni di guida. Esempio, un errato allineamento polare (o approssimativo perchè di norma non siamo accorti), uno stazionamento in bolla eseguito grossolanamente o come è capitato non eseguito affatto, un treppiedi non fissato a terra a dovere o non stabile. Tra questi poi rientrano anche problematiche meccaniche piu sostanziali, come ad esempio un telescopio non ben fissato ai suoi anelli, una flessione differenziale introdotta da un focheggiatore pessimo oppure un gioco negli organi meccanici troppo lasco, un grasso troppo duro (usare quello ai saponi di litio a me ha risolto un mucchio di problemi), fino ad arrivare a problemi piu profondi, ad esempio un cuscinetto rovinato, una corona particolarmente ovalizzata, Di tutte queste casistiche, il 90% rientrano nella prima parte, e cioè errori introdotti da noi astrofili nelle fasi di montaggio o manutenzione della montatura., considerando i numeri di astrofili è abbastanza raro che a livello meccanico profondo qualcosa sia decisamente rovinato o fabbricato male ,per cui prima di gridare “al lupo”, è bene SEMPRE garantirsi di fare le cose bene.

ERRORI DOVUTI A CONDIZIONI DINAMICHE

Una serie di errori introdotti da condizioni dinamiche, invece, sono dovute a condizioni temporanee, che si verificano magri in quel preciso istante e non sono facilmente prevedibili. Questo può essere ad esempio il caso del vento che soffia leggero ma a brevi folate, da un brusco calo di temperatura con successivo adeguamento termico, da un seeing in peggioramento, da un oggetto ripreso a meno di 25° sull’orizzonte dove il seeing fa brutte sorprese e dove notoriamente le montature faticano un pochino di piu ad abbattere l’inerzia al movimento. Ecco, queste sono tutte condizioni sostanzialmente temporanee, e con l’esperienza si impara che bisogna essere piu permissivi se si utilizza una montatura di fascia medio-economica (ad esempio una eq6).

Ora, viste grossolanamente queste casistiche, io mi chiedo...”OK, ma quale tipologia di errori può correggere il software di guida?”

COSA NON CHIEDERE A PHD

Seguendo questo filo logico arriviamo a capire benissimo che PHD non può intervenire con successo in tutti quei casi in cui l’errore lo introduciamo noi. La bibliografia online è PIENA di porblemi imputati a montature e software e che poi si risolvono con l’accorgimento in piu, con la dedizione in piu nelle fasi di montaggio, con l’opportuna valutazione delle reali potenzialità di guida del sistema. E in centinaia di migliaia di post il problema si conclude sempre con “ah no, io non avevo messo in bolla” o “non avevo stretto il treppiede”. Questo causa la grandissiam confusione che qualsiasi neofita incontra quando approda all’astrofotografia…capirci qualosa realmente.

A questo punto, quindi, non possiamo chiedere a PHD di guidare bene una montatura che è stata bilanciata male. Non gli possiamo chiedere di elaborare un intervento di guida opportuno se abbiamo un gioco negli accoppiamenti troppo lasco.

Se non abbiamo stretto le frizioni, se non abbiamo prestato attenzione ai cavi. Questo PHD non lo farà e non lo farà mai! Nonè stato concepito per SOSTITUIRSI alla precisione UMANA necessaria, ma come ogni software di guida è stato concepito per INTERVENIRE nelle condizioni DINAMICHE che si susseguono nel corso della serata. Quindi ok, ad esempio tira un pò piu di vento? allora possiamo chiedere a PHD di intervenire con un algoritmo diverso. Peggiora il seeing? allora possiamo chiedere a phd di aumentare la durata delle pose o di intervenire nei fatidici MinMov che hanno si una loro importanza ma spesso sono troppo quotati.

Di fatto, una montatura gestita da un astrofilo cosciente, permette a PHD di fare ciò per cui è stato concepito..e cioè “Pull Here DUmmy!” ergo “Schiaccia qua scemo e lasciami fare”. Se si lavora bene a casa e sul campo, PHD non ha bisogno di nulla per funzionare, magari qualche accorgimento (ad esempio se siamo vicini al polo potrebbe non calibrare bene, ma questo lo vedremo..), Di norma, si schiaccia il pulsante e Va. Al massimo possiamo poi migliorare qualcosina per quel che riguarda le situazioni DINAMICHE ma partendo SEMPRE da una base di partenza valida. E quella base di partenza siamo noi.

Avere ottima precisione nelle fasi di preparazione dei setup (da casa fino al campetto) permette di diventare poi dei problem solver piu accurati e piu sostanziali, seppur questo diventa poi un discorso ancora piu complesso. Ma se ci mettiamo nella condizione di lavorare bene e soprattutto con spirito critico, saremo d’aiuto al software di guida senza delegarlo a fare cose per cui non è stato costruito.

Concludo questa breve rassegna con una raccomandazione: non fissarsi MAI TROPPO sui grafici. Perchè questi sono,. appunto, temporanei…ciò che comanda è la foto, e solo lei.

Se vogliamo sapere se stiamo guidando bene, si prende il grezzo appena scaricato, si mette a 200x e si verificano le stelle al centro. Fine. Non ai bordi, non di traverso, non ad minchiam..ma solo al centro.

Freghiamocene dei grafici se in queste condizioni abbiamo una stella bella tonda e puntiforme. I grafici servono solo per avere un’indicazione di massima sui movimenti della montatura e per effettuare un pò di diagnostica e trattano sostanzialmente il dato appena “trascorso”.

A Maggior ragione, non bisogna nemmeno fidarsi di grafici piatti perchè nemmeno quelli sono garanzia di buone pose..basti pensare alle flessioni differenziali ad esempio, dove la guida è perfetta ma sta correggendo l’errore di scivolamento del telescopio di guida mentre nella ripresa……Bisogna sempre prendere l’immagine, si ingrandisce a 200x etc…

Cieli Sereni

Fabio Mortari

Ebbene si, prima di cimentarci nella costruzione vera e propria ho pensato che fosse propedeutico farlo “a pezzi”, in modo da poterlo riportare su una breadboard e costruirselo piano piano senza dover saldare o perdere componenti.

Se non avete BreadBoard potete acquistarla qua LINK e vi converrà anche comprarvi un kit di cavetti dupont e ponticelli. Vi conviene prenderli sia Femmina Femmina – LINK che Maschio Maschio – Link

Andiamo a iniziare. Ho scritto tutto in un unico lungo articolo, onde evitare di spezzettare troppo il discorso. In questo modo vi basterà consultare questa pagina per poter creare la vostra base sperimentale e avere tutto l’esploso del progetto in unica soluzione…puff puff..pant pant.

ALIMENTAZIONE

Il circuito è progettato per essere alimentato con una comune 12V da una batteria d’auto, essendo considerato uno strumento “da campo”

Ho previsto un led per “segnalarci” che il circuito è alimentato, al cui “capo” vi è installata una resistenza da 470 ohm. Inoltre è presente un interruttore ON OFF, come si vede dal circuito che vi allego e che potete già iniziare a riprodurre su breadboard di progettazione

Molto semplicemente, abbiamo in entrata direttamente da Batteria, la 12V. Il collegamento prevede un interruttore a una via. Dopodichè partono tre pieste

a) una per alimentare il led a cui va collegata una resistenza da 470 Ohm che si accenderà quando si agisce sull’interruttore di ON

B) una pista andrà ad alimentare Arduino nel pin VIN.

c) una terza pista andrà invece ad alimentare il circuito da cui otterremo la 5V come nella prossima immagine.

Fatelo, usate un tester per verificare le tensioni in circolazione,  provatelo un attimo e proseguiamo.

CIRCUITO 5V

Abbiamo detto all’inizio di questa serie di articoli che il dispositivo può alimentare anche apparecchiature a 5V, purchè non superino 1,5 ampere giusto? Bene…avevo due strade per fornire la 5V. La prima era prenderla direttamente da arduino e togliermi il problema di creare il circuito. La seconda invece era ottenerla partendo dai 12V e trasformandola. Ho scelto la seconda strada, piu complicata, per poter garantire almeno 1,5 ampere di assorbimento, in quanto arduino non raggiunge tale corrente. Certo, 1,5 ampere non sono un’enormità, ma nemmeno pochi se pensiamo che potremmo alimentarci un caricabatterie USB per cellulari. Se comunque vogliamo avere ancora piu ampere, basta prendere altre versioni del LM7805 che arrivano fino a 2 ampere e qualcosina in piu (vi rimando alla ricerca in rete). E’ raccomandabile inserire un dissipatore, da acquistare insieme all’integrato, che trovate nelle pagine che vi ho segnalato nell’articolo “La lista della spesa”.

Bene, iniziamo. Questo è il circuito:

Vediamolo in dettaglio…presa la 12V, il primo componente che incontriamo è un condensatore elettrolitico da 10uf. Questi condensatori hanno una polarità quindi collegateli nel verso giusto (dovete osservare il piede piu lungo che sarebbe il + oppure la banda laterale che indica il )

La linea del positivo prosegue il suo cammino e trova il cercamico 104 (questi non hanno polarità) e arriva al primo piedino dell LM7805.

Collegare l’integrato è semplice:

  1. Il primo piedino va collegato al positivo +12v
  2. il secondo piedino va collegato al –
  3. dal terzo piedino avremo la +5v

Un uscita dal terzo piedino si replicherà la configurazione dei condensatori come nel passaggio precedente, dove l’elettrolitico stavolta sarà da 1uf e non 10uf. Prelevate dai capi la +5v e collegateci un’uscita (può essere USB o un plug o quello che volete voi)

Questa circuiteria ci fornirà anche alimentazione per lo schermo LCD, per le pulsantiere, per il sensore di temperatura. In questo modo non stresseremo  arduino.

Usate un tester per osservare che venga fornita correttamente la 5V.

LO SCHERMO LCD

Come abbiamo visto nella lista della spesa, lo schermo LCD previsto è quello Seriale, quindi con 4 pin di collegamento. La configurazione è semplicissima, basta osservare la parte dietro dell’adattatore seriale posto sul LCD e si intuisce già:

Dove

  1. GND  è Ground
  2. VCC è +5V (e la prendiamo dal circuito che abbiamo creato)
  3. SDA va al pin A4
  4. SCL va al pin A5

Nota: anche se posso prelevare la +5v dal circuito, qualsiasi componente deve essere collegato al GND DI ARDUINO altrimenti ovviamente non funziona

Vediamolo in schema:

Ora colleghiamo il sensore NTC di Temperatura

IL SENSORE DI TEMPERATURA NTC

Il sensore di temperatura NTC o “Termistore” è un componente che varia la sua resistenza al variare della temperatura. Ve ne sono di diverse forme e modelli ma uno degli aspetti piu interssanti è che ne vengono prodotti di ogni forma e dimensione e questo fa al caso nostro perchè nella versione FLAT per PC è veramente sottile e si può inserire ovunque.

Ve ne sono di due tipi:

  1. Tipo “A” che all’aumentare della temperatura aumenta la resistenza
  2. Tipo “B” che all’aumentare della temperatura diminuisce la resistEnza

A noi servono quelli del tipo A, che sono quelli comuni. Normalmente se sono del tipo “B” viene indicato nella descrizione del prodotto. Comunque sia provatelo con un tester, è la cosa piu semplice.

La logica di funzionamento è molto semplice, si tratta di effettuare una lettura della tensione su un pin analogico e rapportare poi questa alla temperatura, lo vedremo nello schetch. Ricordatevi sempre che la +5V possiamo prenderla dal circuito che abbiamo creato, mentre la GND va collegata ad Arduino con una resistenza da 10Kohm. Il pin analogico utilizzato per la letttura è A0

PWM E ALIMENTAZIONE PELTIER

Arriviamo ora al punto piu complesso del sistema, o meglio quello che mi ha dato piu problemi.

Logica di funzionamento:  La faccio breve: applicando una tensione sul Gate di un transistor N-Enhancement, posso permettere il passaggio di corrente tra Gate e Source. Trovate un bell’approfondimento a questo LINK cosi mi evito di scrivere mille cose ed evito anche di affrontare argomenti di cui non sono padrone al 100% per poterli correttamente spiegare (il sito è proprietario anche dell’immagine inserita qua sopra).

L’importante è che questo componente sia un Logic Level. Io sono riuscito a trovare il componente dentro un vecchio alimentatore per PC raccattato d’urgenza in un negozio a Forte dei Marmi un sabato pomeriggio, quando purtroppo s’è bruciato il componente che avevo inserito in precedenza che era sbagliato. Ma ve ne sono altri, oltre a quello da me citato nella “lista della spesa” che vanno bene..sono indicati sempre al link appena citato

In parole povere, applicando un’onda quadra al gate del transistor, i Source e il Drain si chiuderanno lasciando passare corrente. Se questo avviene ad una frequenza di 488hz…cito..”e la commutazione è piuttosto frequente (qualche KHz) a causa della presenza di un induttore la corrente media è sostanzialmente costante e proporzionale al duty cycle del segnale sulla base del MOS.” Quindi tradotto in soldoni, posso ottenere un passaggio di tensione in scala da 0 a 12V a seconda di quanto è frequente il mio Duty Cicle.

Du Balle… Vediamo.

Ricordate che va inserita una resistenza da 10K0hm sul Ground (sempre collegato ad arduino), la 12V è presa direttamente dalla batteria e che il pin utilizzato per lanciare onde spaziali pwm è il pin D3.

E’ opportuno anche prelevare la 12V per la ventola che dovrà sempre essere in funzione e non gestita via PWM, in modo da poter garantire la corretta dissipazione del calore generato dalla superficie calda della cella di peltier. Questa verrà collegata insieme alla peltier tramite il cavo che costruiremo su porta COM, come spiegato nella “Lista della Spesa” alla apposita voce. Ovviamente la ventola dovrà essere 12V. Si veda l’immagine successiva per osservare la presenza della voce “ventola”. Nello schema è rappresentata da un PLUG perchè non ho trovato il corrispettivo simbolo.

 

I BOTTONI E IL LED DI STATO

Arriviamo infine alla conclusione di questa fase di progettazione su breadboard con questo semplice passaggio. Avremo 3 bottoni con queste funzioni

  • Pulsante di UP: il suo funzionamento è legato al pulsante di Automode. Se siamo n modalità manuale, questo pulsante aumenta la potenza erogata, su base percentuale. Se invece siamo in modalità Automatica, questo pulsante aumenta la temperatura selezionata
  • Pulsante di DOWN: il suo funzionamento è legato al pulsante di Automode. Se siamo n modalità manuale, questo pulsante diminuisce la potenza erogata, su base percentuale. Se invece siamo in modalità Automatica, questo pulsante diminuisce la temperatura selezionata
  • Pulsante di AUTOMODE ON OFF: stabilisce il funzionamento dei pulsanti di cui sopra.
  • LED DI STATO: quando siamo in modalità Automode ON si accende, quando siamo in modalità Auotmode OFF, si spegne.

Il collegamento dei bottoni è il classico che si vede i ogni schema di Arduino….abbiamo la 5V su un capo del pulsante, GND di arduino sull’altro capo con resistenza da 10 K0hm, e sempre sullo stesso viene collegato il PIN che dovrà effettuare la lettura.

Per il led valgono le stesse condizioni, salvo che la 5V non è presa esternamente ma viene fornita dal PIN di Arduino.

I pin utilizzati sono

  • D4 = UP
  • D5 = DOWN
  • D6 = AUTOMODE
  • D7 = LED

 

 

Nota: se volete dotare il dispositivo di uscite ausiliarie 12V basta stendere due cavi a partire dall’interruttore e collegare un plug.

Direi che ci siamo. Ora non vi rimane che stendere questo circuito, nel prossimo articolo  iniziamo a vederne lo schetck da inserire.

Buon Lavoro e chiedete se non è chiaro o segnalate se trovate incongruenze.

 

Capita che ad un certo punto, come è capitato al sottoscritto, si voglia aprire un blog. Capita che degli utenti rispondano agli articoli…e capita che tra questi ve ne sia qualcuno particolarmente interessante e che merita di attenzione. Ecco ciò che è capitato a me, su queste pagine. Mi riferisco in particolare ad alcuni apprezzatissimi interventi da parte di un utente, Gianantonio Dolfin, che scrisse alcuni post in risposta ad articoli di Astrofilo Neofita. Dopo alcuni chiarimenti avvenuti sul blog, io e Gianantonio abbiamo iniziato una serie di contatti personali via mail molto interessanti, durante i quali abbiamo approfondito i punti di vista sulla nostra passione e dove il buon Gianantonio mi ha descritto come sostanzialmente la sua passione sia legata principalmente all’attività osservativa. In seguito è nata l’idea di creare questa sorta di articolo-intervista, a cui Gianantonio si è dedicato, volta a far toccare con mano come sia la vita da visualista. In effetti, questo argomento è sempre un pò piu bistrattato in genere, a causa dell’imperante passione astrofotografica che riempie numerose pagine di web tra cui anche questo blog. Ma strizzando l’occhio al neofita come sempre si cerca di fare su queste pagine, ho ritenuto interessante sviluppare grazie al nostro amico un articolo che racchiuda una brillante scintilla del mondo visualista, adatto anche a chi inizia oggi e a chi cerca nuovi stimoli dopo le possibili delusioni e difficoltà iniziali di questa passione. Ringrazio Gianantonio per la disponibilità e spero di riuscire, attraverso questo interessante spunto, a fornire   un rinnovato spirito osservativo: Gianantonio, infatti, si sposta anche di 140 km per cercare un cielo sereno e libero da inquinamento luminoso..

Beh..se consideriamo  i suoi ben 80 anni di età,  direi che non cogliere  certi stimoli significa perdersi sicuramente qualcosa di sorprendente che solo il buon cielo ci può dare! Buona Lettura…e abbandonatevi sempre a nuovi entusiasmi!

Ciao Gianantonio e ben ritrovato su questo blog. Complimenti per l’età e per esser riuscito a mantenere viva questa passione nel tempo. Proprio a proposito degli “spazi temporali”, a quanti anni hai iniziato a osservare il cielo e da quanto tempo pratichi l’osservazione celeste?

Da sempre ho provato uno sviscerato amore per la natura. Piante, animali, paesaggi alpini e marittimi e, naturalmente, anche il cielo che osservavo soprattutto nelle calde sere estive. Poco sapevo degli oggetti che occupano la volta celeste e così, soltanto alcuni anni fa, diciamo sei,ho sentito il bisogno di conoscere questi oggetti, avvicinandomi, si fa per dire a loro, mediante l’uso di un telescopio.

Sai..in tanti iniziamo questa passione proprio per la voglia di avvicinarci un pò di piu al cielo e osservarne gli anfratti spettacolari. A volte però capita che dopo le prime entusiasmanti visualizzazioni si prendano tre strade “diverse”: o ci si innamora subito, oppure col tempo…oppure si molla. Come è stata la tua prima esperienza?

E’ stata, come penso per tutti, esaltante: non immaginavo che l’ingrandimento, anche modesto del telescopio, creasse quell’impressione di avvicinamento che non dimenticherò mai.

Anche tra i visualsiti a volte si incontrano persone che utilizzano i propri telescopi per ricerca scientifica o per spirito di ambizione e sfida. Nel tuo modo di vivere l’astrofilia, che rapporto hai con il cielo?

Galileo ebbe un rapporto puramente scientifico, anzi la scienza astronomica nacque con lui. Il mio rapporto, invece –e qui molti astrofili inorridiranno- è fatto di puro sentimentalismo, essendo naturalmente grato alla scienza per le possibilità offertemi di conoscere e approfondire, a livello elementare, i misteri dell’Universo

In effetti penso anche io che vivere questa passione come visualisti permetta un miglior apprezzamento del cielo dal punto di vista sentimentale e anche come crescita personale e perchè no..filosofica! Sinceramente parlando, io da astrofotografo trovo a volte un pò asettico il momento dello scatto e dell’elaborazione dell’immagine. Grazie alle tecnologie di oggi una sessione astrofotografica può avvenire anche in remoto senza nemmeno mai osservare il cielo. Quindi comprendo perfettamente il tuo punto di vista e bonariamente, un pò lo invidio. 😀 Pariamo invece di strumentazione…con quale strumentazione osservi?

I miei strumenti sono: un binocolo angolato da 100 mm di apertura e 20, 30 37X. In aggiunta uso normalmente un rifrattore Takahashi TOA 130 su montatura neq6 pro

Sai tempo fa anche su Astrofilo Neofita avevo avuto l’idea di parlare del binocolo per osservazione. Esiste un libro molto carino, scaricabile liberamente online o su questa piattaforma che si chiama “Un Binocolo Verso le Stelle”

Per quel che riguarda invece il Takahashi….beh…tanto di cappello. Ecco la foto del setup di Gianantonio!

unnamed

Che oggetti osservi con questo autentico mostro??

I pianeti anzitutto, ma non perché siano i miei oggetti preferiti. Evidentemente per il fatto che il tipo di telescopio è particolarmente adatto a questo fine. Di norma, però, preferisco il profondo cielo e anche se gli oggetti deboli, non li vedo certo come in un buon Dobson, il mio telescopio me li presenta ben contrastati e staccati dal fondo cielo. Anche se piccoli, la loro visione mi soddisfa ugualmente.

…e come li scegli?

Li scelgo solitamente in base ad una costellazione precedentemente esaminata, ma non necessariamente. A volte faccio zapping e quel che vedo, vedo

 A questo punto vogliamo sapere di piu eheheh! Come ti organizzi una tipica sessione di osservazione?

Utilizzo un metodo semplice ma per me funzionale: dopo aver deciso in quale posto andare, seguendo le indicazioni meteo,preparo subito la pulsantiera con le coordinate del luogo di osservazione e l’altitudine. La imposto anche in modo che mi possa indicare una comoda stella per l’allineamento ad una, che è il mio preferito. Giunto sul luogo, piazzo la montatura orientata al polo nord celeste, imposto i dati non memorizzati dalla pulsantiera che, per l’allineamento mi riproporrà quella stella che già so, sollevandomi dalla fatica di cercare al momento la stella più adatta. Quando il telescopio è pronto, mi concentro sulla costellazione già scelta a casa e cerco di vedere e “studiare” tutti gli oggetti che la compongono.

Mentre rispondevi mi è venuto in mente che nell’esperienza osservativa può capitare di imbattersi in una certa ripetititivtà o noia e quindi considerando la velocità di obsolescenza delle passioni tipica dei nostri tempi serve un criterio per mantenere alto l’interesse. Che suggerimento daresti per mantenere alto l’interesse osservativo?

Qui bisognerebbe fare una distinzione tra astrofotografi e puri visualisti, come me: i primi non possono concedersi del sentimentalismo, ma devono curare aspetti tecnici ed avere spiccate attitudini meccanico/elettroniche. Per questa categoria non avrei suggerimenti da dare, essendo l’attività dei suoi appartenenti puramente soggettiva. Ai visualisti, invece, direi di dare alle loro osservazioni carattere di continuità: di insistere, cioè, più volte sullo stesso oggetto, anche in serate diverse, perché esso appare sempre sotto forme leggermente diverse, con particolari che le prime volte sfuggivano: così alla fine si potrà dedurre una visione complessiva e ricca. Tutto ciò non può che aumentare l’interesse osservativo.

Mi ricordo che parlammo in mail di alcune schede osservative che ti prepari dopo aver osservato. Come hai sviluppato il tuo metodo?

Questo sistema è semplicissimo e certamente altri astrofili faranno altrettanto. Ad ogni modo io faccio così: imposto data, luogo e inizio dell’ osservazione, altitudine, qualità del cielo, seeing e quant’altro. Mi concentro poi su di una costellazione già scelta prima della partenza da casa e cerco di vedere e “studiare” i vari oggetti che la compongono. Per ognuno annoto l’oculare migliore per osservarlo e scrivoanche il mio parere personale sulla qualità dell’osservazione. A fondo pagina faccio alcune annotazioni sull’intera serata osservativa, se soddisfacente o meno.

L’utilità della scheda consiste ne fatto che la prossima voltasu quella costellazione so già quale oggetto è il più interessante e qual è l’oculare migliore per osservarlo.

 

 (Ho chiesto a Gianantonio di darci un esempio di una scheda osservativa. Lui molto gentilmente ha acconsentito e mi ha inoltrato il file che compila e che rende disponibilit a tutti coloro che vogliano provare a sviluppare un loro metodo personale. Lo potete scaricare dal seguente LINK)

  OSSERVAZIONE ASTRONOMICA

Certo che dopo tutta questa esperienza ne avrai da raccontare!! Cosi…a spot…qual è l’esperienza piu esaltante che hai provato?

Al momento non saprei, ne ho fatte molte. Per esempio una bella M51, vista con il braccio (molto evanescente) che unisce i due elementi. Oppure una bellissima m57, con circa ottanta ingrandimenti, che sembrava staccarsi dal cielo e cadermi in braccio, per non parlare poi del doppio ammasso del Perseo, di M31, di M27 che tutti conoscono e che al telescopio rendono bene. Ecco, molta soddisfazione mi ha dato l’osservazione della nebula 6210 in Ercole che non avevo mai vista e che mi apparsa abbastanza definita con un filtro OIII.

Giantantonio ti ringrazio per questo grande intervento s questo blog. Ci lasciamo con un’ultima domanda, per gli amici neofiti che leggono queste pagine: che consiglio puoi fornire a chi inizia oggi?

Consiglio calma, riflessione e un progressivo adattamento al nuovo hobby. A volte senti neofiti che per la prima volta hanno visto una ventina di oggetti celesti. Questa corsa al primato è sbagliata e non serve a niente: meglio vedere poco e soffermarsi a guardare.

 

Grazie Gianantonio per averci raccontato un pò di te e della tua passione. Spero di averti nuovamente come gradito ospite di questo blog per raccontarci nuove avventure osservative e per ricevere i preziosi consigli che vorrai fornirci. Un abbraccio,

Fabio Mortari